Le chiese reggine

CHIESE REGGINE: SANT’ANTONIO ABATE DI ARCHI

CHIESE REGGINE: SANT’ANTONIO ABATE DI ARCHI

 Sita a nord della città di Reggio Calabria, nella contrada Archi, presso il torrente Scaccioti, rappresenta una testimonianza di architettura medievale dell’Arcidiocesi di Reggio Calabria-Bova. La chiesa è adesso dedicata a Sant’Antonio Abate; la sua storia e architettura sono state ricostruite in uno studio dell’architetto Francesca Martorano “Chiese e Castelli medievali in Calabria” nel quale(…)

Leggi di più

CHIESE REGGINE: SAN PIETRO APOSTOLO

CHIESE REGGINE: SAN PIETRO APOSTOLO

 La chiesa di San Pietro Apostolo fu costruita dal sacerdote Pietro Gagliardi nel 1853, “per la gran devozione che egli ha verso il santo […] e per comodo spirituale degli abitanti della contrada Ceci”, come si può anche evincere dalle due iscrizioni  in latino collocate sul prospetto principale. La prima si trova sulla fascia della(…)

Leggi di più

LE CHIESE REGGINE: SANTA MARIA DI MONSERRATO

LE CHIESE REGGINE: SANTA MARIA DI MONSERRATO

 È una devozione diffusa in Europa dagli Aragonesi. Infatti Montserrat è un’abbazia benedettina sul monte omonimo in Catalogna, ove fin dai tempi antichissimi sorgeva un santuario mariano, agli inizi del 1500 l’abbazia ebbe come una sua seconda nascita, ed estese un po’ ovunque il suo influsso. La nostra chiesetta era in costruzione quando, il 14(…)

Leggi di più

CHIESE REGGINE SCOMPARSE: SANTA MARIA DEL BOSCO

CHIESE REGGINE SCOMPARSE: SANTA MARIA DEL BOSCO

 Fu costruita da alcuni devoti nella contrada Ottobono, nel 1634. Essi vi celebravano la festa l’8 settembre, nella Natività della Vergine. Era ad un miglio della città, e la chiesetta misurava palmi 30 di lunghezza per 20 di larghezza (circa metri 8,10×5,40). Ebbe una vita relativamente breve. Vi si venerava un’immagine con la Madonna ed(…)

Leggi di più

CHIESE REGGINE SCOMPARSE: SANTA MARIA DEL MONTE CALVARIO

CHIESE REGGINE SCOMPARSE: SANTA MARIA DEL MONTE CALVARIO

 Nella parrocchia del Soccorso, intorno al 1670, un sacerdote originario di Cardeto, D. Francesco Raneri, interprete della viva devozione della popolazione di Sbarre verso la Passione del Signore e i Dolori di Maria SS., costruì una chiesetta, in contrada Ragaglioti. In essa fu esposta alla venerazione dei fedeli un’icona raffigurante la Vergine ai piedi della(…)

Leggi di più

LE CHIESE REGGINE: IL SACRO CUORE DI GESU’

LE CHIESE REGGINE: IL SACRO CUORE DI GESU’

   Dopo il terremoto del 1908, la contrada che si prolunga a sud del Calopinace, divenne sede stabile di profughi scampati e fuggiti dalle loro abitazioni dentro la città, trasformate in ammasso di macerie e pericolose per i continui movimenti della terra. Al drammatico bisogno di ricostruire abitazioni e strutture per i terremotati, l’ente ferroviario(…)

Leggi di più

LE CHIESE REGGINE: LA “GRAZIELLA”

LE CHIESE REGGINE: LA “GRAZIELLA”

 La chiesetta della Graziella è ubicata in via Sbarre Superiori, alle spalle dell’attuale chiesa di Loreto, tuttavia, essa si trovò da sempre nel territorio di San Giorgio Extra. Fin dagli inizi del 1600, si diffuse fra i “giardinari” di Sbarre  la fama che un’immagine della Madonna delle Grazie, incisa su pietra e posta in una(…)

Leggi di più

CHIESE REGGINE SCOMPARSE: L’ANGELO CUSTODE

CHIESE REGGINE SCOMPARSE: L’ANGELO CUSTODE

 È stata eretta nel 1671 dalla nobildonna “sbarrota” Marianna Velasco, nella sua stessa casa, nella quale ella abitava, ai confini tra l’antica parrocchia di Loreto e quella del Soccorso. Era una casa ampia, nel bel mezzo di un ampio giardino, in contrada Calamizzi. La Velasco stabilì che tutti i suoi beni andassero come proprietà all’arcivescovo(…)

Leggi di più

CHIESE REGGINE SCOMPARSE: LA CONSOLAZIONE

CHIESE REGGINE SCOMPARSE: LA CONSOLAZIONE

 Questa chiesetta appare nella Visita pastorale del 1871. Il culto allora era mantenuto da Maria Furnari, cappellano Carmelo Cordova. Nel 1877, è detta “sacello”, cioè piccola chiesetta; ma era indecorosa, e sembrava più una stalla che un luogo di culto. “Immediatamente, alla prima occhiata, fu interdetta, finché non sarebbe stata riportata alle condizioni di casa(…)

Leggi di più

STORIA REGGINA: IL CONVENTO DI SAN FRANCESCO DA PAOLA

STORIA REGGINA: IL CONVENTO DI SAN FRANCESCO DA PAOLA

 Con gli Angioini il territorio di Sbarre visse un’epoca di guerre e di tribolazioni. Le popolazioni non erano più sicure di nulla: all’improvviso apparivano soldati francesi, aragonesi, milizie locali e, ancor più temibili, gli almugaveri. Erano questi ultimi una fanteria mobile catalana, che colpiva con decisione e scompariva. Era una guerra nuova; peggio della guerra(…)

Leggi di più

LE PARROCCHIE REGGINE: CHIESA DEL DIVIN SOCCORSO

LE PARROCCHIE REGGINE: CHIESA DEL DIVIN SOCCORSO

 Il culto della Madonna del Soccorso risale al XIV secolo in ambito siciliano. Nel 1306, infatti, il Padre Nicolò Bruno, Priore del Convento di Sant’Agostino in Palermo, fu miracolato dalla Vergine che apparendogli in sogno gli impose di farla invocare con il titolo del Soccorso. Alla fine del 1500, la chiesa era ancora in costruzione(…)

Leggi di più

PARROCCHIE REGGINE: SANTA MARIA DELL’ITRIA

PARROCCHIE REGGINE: SANTA MARIA DELL’ITRIA

 Agli inizi del 1500, in contrada Santa Domenica, i contadini costruirono una chiesa e la dedicarono alla Madonna Odigitria. Odigitria (Maria è via per Gesù) è il titolo di una antichissima immagine venerata nel santuario che sorgeva nella via principale di Costantinopoli: l’immagine raffigura la Madre di Dio che col braccio sinistro sorregge il divin(…)

Leggi di più

PARROCCHIE REGGINE: SAN GIORGIO MARTIRE (O SAN GIORGIO EXTRA)

PARROCCHIE REGGINE: SAN GIORGIO MARTIRE (O SAN GIORGIO EXTRA)

 La chiesa di San Giorgio Martire, conosciuta anche con il nome di San Giorgio extra moenia è sita nel quartiere di San Giorgio. La chiesa in origine era posta in prossimità della costa, sul promontorio di punta Calamizzi. Fu distrutta, insieme al monastero di San Nicola nel 1086 dagli arabi guidati da Benavert. Nel 1562, per un fenomeno di bradisismo, l’intero promontorio di Calamizzi sprofondò(…)

Leggi di più

LE CHIESE REGGINE: CHIESA DELLA MADONNA DEI POVERI

LE CHIESE REGGINE: CHIESA DELLA MADONNA DEI POVERI

 La chiesa della Madonna dei Poveri, comunemente conosciuta come a Krèsiê Pipi nel quartiere Trabocchetto, è il più antico edificio cristiano esistente nella città di Reggio Calabria. Originariamente il luogo di culto, dedicato al Santissimo Salvatore, fu edificato probabilmente nel corso del X secolo. Fu una parrocchia succursale della Cattolica dei Greci allora unica del centro cittadino ed(…)

Leggi di più

LA LEGGENDA DELLA CHIESA DI SAN NICOLA VERMICUDI DI ROSARIO VALANIDI

LA LEGGENDA DELLA CHIESA DI SAN NICOLA VERMICUDI DI ROSARIO VALANIDI

 Sulla strada che da Ravagnese porta a Santa Venere, passando da Oliveto e poco prima di giungere a Trunca, possiamo ammirare, a sinistra della via, in località Rosario Valanidi, un alto colle con sopra edificata una chiesetta affacciata sul torrente Valanidi. È la chiesa di San Nicola, che gli anziani conoscono come San Nicola di(…)

Leggi di più

IL BENEFICIO DI SAN LEONE E LA STORIA DELLA CHIESA DI SANT’ELIA DI RAVAGNESE [parte prima]

IL BENEFICIO DI SAN LEONE E LA STORIA DELLA CHIESA DI SANT’ELIA DI RAVAGNESE [parte prima]

 Con un’attenta ricerca, il professore Carmelo Cutrupi riesuma la storia della piccola chiesa di Sant’Elia di Ravagnese, dalla fondazione nel secondo Settecento. [parte seconda]  [parte terza]   LA FONDAZIONE Il tre aprile dell’anno 1766 con atto pubblico, registrato presso il notaio Andrea Nava, nella città di Reggio Calabria, in contrada “Li Riformati”, alla presenza dei(…)

Leggi di più

IL BENEFICIO DI SAN LEONE E LA STORIA DELLA CHIESA DI SANT’ELIA DI RAVAGNESE [parte seconda]

IL BENEFICIO DI SAN LEONE E LA STORIA DELLA CHIESA DI SANT’ELIA DI RAVAGNESE [parte seconda]

 Con un’attenta ricerca, il professore Carmelo Cutrupi riesuma la storia della piccola chiesa di Sant’Elia di Ravagnese, dalla fondazione nel secondo Settecento. [parte prima]   [parte terza]   STORIA Purtroppo non esistono altri documenti oltre l’atto notarile della fondazione della chiesa, è quindi impossibile ricostruire la storia della cappella nel corso dell’Ottocento, mentre per quel(…)

Leggi di più

IL BENEFICIO DI SAN LEONE E LA STORIA DELLA CHIESA DI SANT’ELIA DI RAVAGNESE [parte terza]

IL BENEFICIO DI SAN LEONE E LA STORIA DELLA CHIESA DI SANT’ELIA DI RAVAGNESE [parte terza]

 Con un’attenta ricerca, il professore Carmelo Cutrupi riesuma la storia della piccola chiesa di Sant’Elia di Ravagnese, dalla fondazione nel secondo Settecento. [parte prima]   [parte seconda]   L’ULTIMO TRENTENNIO DEL XX SECOLO Negli anni Settanta, e ancor di più negli anni Ottanta e Novanta, tutto il rione di Ravagnese è interessato da un’opera di(…)

Leggi di più

IL CAMPANILE DEL DUOMO DI REGGIO CALABRIA

IL CAMPANILE DEL DUOMO DI REGGIO CALABRIA

 Il duomo di Reggio Calabria, com’anche il suo campanile, furono seriamente danneggiati dal terribile terremoto del 28 dicembre 1908 che colpì lo Stretto di Messina. Demoliti, furono ricostruiti nell’attuale posizione adiacente al Corso Garibaldi. La nuova chiesa matrice e il suo campanile vennero ricostruiti con criteri antisismici nel 1928. La torre campanaria alta 28 metri,(…)

Leggi di più

CHIESA DELL’ARCO DI BOVETTO E STORIA DELLA MADONNA DELL’ARCO

CHIESA DELL’ARCO DI BOVETTO E STORIA DELLA MADONNA DELL’ARCO

 La devozione in onore della  Madonna dell’Arco in Reggio Calabria risale ad alcuni secoli fa. Già nel 1600 esiste nel popoloso rione di Archi, poco distante dal centro cittadino, la parrocchia dedicata a “Santa Maria Ab Arcu”. Tale indicazione fa pensare ad una devozione già praticata e che si è coltivata in Archi fino al(…)

Leggi di più

CHIESA DI CROCE VALANIDI

CHIESA DI CROCE VALANIDI

 Questa chiesa è dedicata alla Santa Croce ed è stata costruita nel 1967, voluta e benedetta dall’arcivescovo Giovanni Ferro. Essa è stata costruita in onore delle 44 vittime morte durante l’alluvione del 1953, che ha colpito le zone di Bovetto, Oliveto, Rosario Valanidi, San Gregorio e Saracinello. La chiesa è in stile liberty ed ha(…)

Leggi di più

LE CHIESE REGGINE: SANTA MARIA DEL BUON CONSIGLIO DI RAVAGNESE

LE CHIESE REGGINE: SANTA MARIA DEL BUON CONSIGLIO DI RAVAGNESE

 La storia della parrocchia di Santa Maria del Buon Consiglio comincia quando quella grande anima che fu il Cardinale Gennaro Portanova, arcivescovo di Reggio Calabria dal 1888 al 1908, nei primi del Novecento introdusse la devozione alla Madonna del Buon Consiglio, portando un quadro da Napoli a Ravagnese, dove volle far sorgere una chiesa in(…)

Leggi di più

STORIA DELLE CHIESE REGGINE: CHIESA  DELLE GRAZIE DI RAVAGNESE

STORIA DELLE CHIESE REGGINE: CHIESA DELLE GRAZIE DI RAVAGNESE

 La chiesa delle Grazie di Ravagnese è detta anche della “Graziella”  e sorge sulla sponda sinistra del torrente Sant’Agata, lungo la strada che dal centro città porta all’aeroporto, con la facciata rivolta verso il mare. Dal ponte, sul fiume, si vedono il tetto e le tegole, il campanile, l’abside e il lato sinistro che la(…)

Leggi di più

LE CHIESE REGGINE:  SANTI GIOVANNI NEPOMUCENO E FILIPPO NERI DI ARANGEA

LE CHIESE REGGINE: SANTI GIOVANNI NEPOMUCENO E FILIPPO NERI DI ARANGEA

 STORIA Il 16 febbraio 1882 fu costruita la chiesa di Arangea. Essa era adiacente a molte case contadine. La chiesa, che prima del terremoto del dicembre 1908, era ubicata in contrada “Miniera” (detta così, perché, una volta vi erano delle miniere), sorge ora sulla provinciale che porta  a Gallina a pochi metri dallo sbocco autostradale (…)

Leggi di più

BELLEZZE NASCOSTE DI REGGIO: LE VETRATE DEL DUOMO

BELLEZZE NASCOSTE DI REGGIO: LE VETRATE DEL DUOMO

 Dedicato a Maria Santissima Assunta, il Duomo di Reggio Calabria è una della chiese più grandi e imponenti della regione. Spettacolari sono le sue vetrate eseguite nel 1928 dalla ditta Studio Vetrate D’Arte di Roma e successivamente restaurate nel 1947. Venticinque di queste, bifore e trifore, policrome istoriate figurativamente, sono presenti sulle pareti esterne delle navate(…)

Leggi di più

LA CHIESA DELLA CANDELORA

LA CHIESA DELLA CANDELORA

 L’edificazione di questa antica chiesa intitolata a Santa Maria della Candelora o della Purificazione, risale al XIV secolo ed era ubicata in località Fornaci nei pressi del torrione Battagliola. Apparteneva alla famiglia Filocamo e, con tale titolo, aveva il diritto di nominare il parroco. L’arcivescovo D’Afflitto, durante la guida dell’Arcidiocesi (1593-1638), oltre ad aver sostituito(…)

Leggi di più