Leggende di Calabria

I “PASSI” E LA CACCIA ALL’ADORNO

I “PASSI” E LA CACCIA ALL’ADORNO

 Una tradizione con radici molto antiche, dura da rimuovere, ma che lentamente si sta dissolvendo, parliamo della caccia al falco pecchiaiolo sulle coste dello Stretto di Messina. Testimonianze di decenni fa ci dicono che quando questi rapaci  facevano la loro comparsa, in primavera, durante la migrazione verso nord per lo svernamento, una febbre della “caccia(…)

Leggi di più

LA LEGGENDA DELLA CHIESA DI SAN NICOLA VERMICUDI DI ROSARIO VALANIDI

LA LEGGENDA DELLA CHIESA DI SAN NICOLA VERMICUDI DI ROSARIO VALANIDI

 Sulla strada che da Ravagnese porta a Santa Venere, passando da Oliveto e poco prima di giungere a Trunca, possiamo ammirare, a sinistra della via, in località Rosario Valanidi, un alto colle con sopra edificata una chiesetta affacciata sul torrente Valanidi. È la chiesa di San Nicola, che gli anziani conoscono come San Nicola di(…)

Leggi di più

LEGGENDE DI CALABRIA: “A CRUCI” A BAGNARA

LEGGENDE DI CALABRIA: “A CRUCI” A BAGNARA

 Sul litorale tirrenico reggino, incastonata nella meravigliosa Costa Viola, sorge la cittadina di Bagnara Calabra. Nella zona alta, detta “Porelli”, considerata il nucleo originario del paese, esiste un luogo lugubre che da sempre incute timore e soggezione agli abitanti del posto. Si tratta di una ripida scalinata che, attraversando la Rupe di Martorano, collega il(…)

Leggi di più

LEGGENDE DI CALABRIA: I FANTASMI DELLA BANDA MUSICALE DI ORTÌ

LEGGENDE DI CALABRIA: I FANTASMI DELLA BANDA MUSICALE DI ORTÌ

 Per buona parte del secolo scorso, una via di comunicazione molto utilizzata per collegare la zona nord di Reggio Calabria con alcuni paesi aspromontani, era il Torrente Torbido (conosciuto in dialetto locale col nome di Trinitrùbbuli). Il Torbido nasce a 700 metri dal livello del mare,  nella Contrada Straorino,  uno dei primi insediamenti umani in(…)

Leggi di più

LA LEGGENDA DEL SANTUARIO DELLA MODONNA DELLE GRAZIE A GALLICO

LA LEGGENDA DEL SANTUARIO DELLA MODONNA DELLE GRAZIE A GALLICO

 Nel Santuario della Madonna delle Grazie, ricostruito dopo il terremoto del 1908 sui resti dell’antico Santuario risalente al XV-XVI secolo, è custodito il quadro della Madonna delle Grazie risalente al ‘500-‘600. Il culto della Madonna  ha origine molto lontane da quando erano frequenti le incursioni degli arabi sulle coste di quella zona strategica e,  secondo(…)

Leggi di più

LEGGENDE DI CALABRIA: LE ANARADE DI ROGHUDI

LEGGENDE DI CALABRIA: LE ANARADE DI ROGHUDI

 Tra le tante leggende che vengono tramandate dagli anziani di Roghudi ve n’è una che racconta di donne con i piedi a forma di mulo abitanti di fronte al loro borgo, nella contrada “Ghalipò” e chiamate Anarade. Le Anarade, di giorno stavano coricate e di notte, a cavalcioni di un ramo di sambuco, andavano alla(…)

Leggi di più

LEGGENDE DI CALABRIA: LA VITE MUTILATA

LEGGENDE DI CALABRIA: LA VITE MUTILATA

 I narratori calabresi raccontano che anticamente la vite era solo una pianta d’ornamento, non produceva né fiori e né frutti. Un contadino, avendola nel suo campo decise, con l’arrivo della primavera, di tagliarla visto la sua inutilità e tra l’altro faceva ombra alle piante da lui coltivate. La potò lasciando della verdeggiante vite solo dei(…)

Leggi di più

LEGGENDE DI CALABRIA: L’ASSEDIO DEL CASTELLO DI STILO

LEGGENDE DI CALABRIA: L’ASSEDIO DEL CASTELLO DI STILO

 Secondo una leggenda, nell’anno 982, il califfo arabo Ibrahim Ibn Ahmad partì dalla Sicilia per nuove conquiste nella Calabria bizantina. Quando giunse in prossimità di Stilo, fu avvistato dagli abitanti della zona che, per ordine del “granduca”,  su suggerimento di San Giorgio, protettore di Stilo, tutta la popolazione si rifugiò all’interno del castello normanno. Il(…)

Leggi di più

LEGGENDE DI CALABRIA: LA GALLINA DALLE UOVA D’ORO A STILO

LEGGENDE DI CALABRIA: LA GALLINA DALLE UOVA D’ORO A STILO

 Si racconta che il castello di Stilo aveva al suo interno una prigione dalla quale, sia pure fosse inutile chiuderla a chiave, era impossibile scappare. Scavata poco fuori le mura, a strapiombo su una parete del Monte Consolino, si entrava e si usciva da un’unica apertura dall’alto, calati o issati con una corda. Pochi reclusi(…)

Leggi di più

LA STORIA DEL TARTUFO DI PIZZO

LA STORIA DEL TARTUFO DI PIZZO

 Il tartufo di Pizzo è un prodotto tipico della pasticceria calabrese con una storia relativamente giovane visto che dalla sua origine è trascorso poco più di mezzo secolo. La versione ufficiale narra che nei primi anni Quaranta dello scorso secolo, un maestro pasticcere messinese, tale Dante Veronelli, rileva il “Gran Bar Excelsior”, che in seguito cambierà(…)

Leggi di più

MONTEBELLO E PENTEDATTILO LA LEGGENDA DI UNA TRAGEDIA DEI TEMPI ANTICHI

MONTEBELLO E PENTEDATTILO LA LEGGENDA DI UNA TRAGEDIA DEI TEMPI ANTICHI

 Questa è la storia che Don Pietro Amazichi racconta a Edward Lear e narrata nel suo libro “Diario di un viaggio a piedi – Reggio Calabria e la sua provincia (25 luglio – 5 settembre 1847)”. Montebello e Pentedattilo , una leggenda tragica dei tempi antichi di questi luoghi, quando i territori erano governati rispettivamente il(…)

Leggi di più

IL FARO DI CAPO SPARTIVENTO E LA STORIA DI SANT’ELMO

IL FARO DI CAPO SPARTIVENTO E LA STORIA DI SANT’ELMO

 Gli antichi lo chiamavano Heracleum Promontorium (60 a.C.), assai prima che l’Heracle dei greci divenisse L’Ercole degli italici che cominciarono a chiamarlo Erculeum Promontorium. Assai comprensibile, vista l’indubbia importanza, sia dal punto di vista nautico che geografico, il motivo per cui gli antichi colonizzatori lo consacravano al culto dell’antico eroe. In tempi antichi abitava all’interno(…)

Leggi di più

L’ASPROMONTE TRA STORIA E LEGGENDA

L’ASPROMONTE TRA STORIA E LEGGENDA

 Il nome Aspromonte, ben lungi dal trarre origine dalla sua conformazione naturale, deriva dal greco aspros, bianco. Secondo una leggenda la montagna era dimora della Sibilla che aveva anticipato ai reggini la venuta di Gesù Cristo, ma si crede anche che fosse stata scelta come rifugio da San Silvestro papa perseguitato dai Romani, fino a(…)

Leggi di più

LEGGENDE DI CALABRIA:  LA MADONNA DI MODENA

LEGGENDE DI CALABRIA: LA MADONNA DI MODENA

 Una leggenda popolare pubblicata su una rivista di fine ‘800 narra che sulla destra della fiumara di Sant’Agata,  nel territorio di Reggio Calabria, tra i villaggi di San Giorgio e San Sperato si stendeva una ridente e produttiva campagna denominata “Pianura di Modena”. Qui, sulla strada che da Reggio porta fin sulla collina di Gallina,(…)

Leggi di più

LEGGENDE DI CALABRIA: LA ROCCA DEL DRAGO

LEGGENDE DI CALABRIA: LA ROCCA DEL DRAGO

 In provincia di Reggio Calabria, sulla strada che da Melito Porto Salvo si inerpica verso l’Aspromonte si incontra il “borgo fantasma” di Roghudi. Qui, due formazioni geologiche naturali sembrano fare da sentinelle all’intera vallata, la Rocca del Drago, una roccia di epoca preistorica dalla forma strana in cui l’erosione ha scavato due solchi che somigliano(…)

Leggi di più

JETTATURA E MALOCCHIO IN CALABRIA

JETTATURA E MALOCCHIO IN CALABRIA

 In una famosa commedia di Pirandello, il protagonista Rosario Chiarchiaro pretende che gli sia rilasciata una pubblica patente di jettatore per trarne profitto:  “Signor giudice, mi hanno assassinato. Lavoravo. Mi hanno fatto cacciar via … con la scusa che, essendoci io, nessuno più veniva a far debiti e pegni; mi hanno buttato in mezzo alla strada, con(…)

Leggi di più

RACCONTI DI CALABRIA: IL LAGHETTO DEGLI SPIRITATI

RACCONTI DI CALABRIA: IL LAGHETTO DEGLI SPIRITATI

 Serra San Bruno è una delle più ridenti della provincia di Vibo Valentia, per la sua posizione a 800 metri sul livello del mare e le caratteristiche di centro alpino, con le tipiche casette a balconcino e le scalette esterne di ogni tipo, circondate dall’imponenza degli alti monti dell’appennino calabro. Qui, per volontà del Papa(…)

Leggi di più

STORIE DI BRIGANTI : FRA DIAVOLO BEFFA HUGO

STORIE DI BRIGANTI : FRA DIAVOLO BEFFA HUGO

 Uno dei nemici più accaniti dei Francesi in Italia era Michele Pezza, detto Fra Diavolo. Quando il Cardinale Ruffo aveva deciso di conquistare il Regno di Napoli, Fra Diavolo si unì a lui con tutta la sua banda e, per aver ripreso Napoli, il Re Ferdinando I lo nominò colonnello e poi conte. Quando però(…)

Leggi di più

LEGGENDE DI CALABRIA: IL DIAVOLO E SANT’ELIA

LEGGENDE DI CALABRIA: IL DIAVOLO E SANT’ELIA

 Lo Stromboli è un vulcano che sorge dalle acque del mare di fronte alla costa tirrenica della Calabria, ed il pescatore, che tutte le sere d’estate rattoppa le reti sulla spiaggia di Palmi, ne conosce la storia e l’origine. Racconta infatti che sul monte Sant’Elia, sotto il quale poi è stata fondata Palmi, il santo(…)

Leggi di più

LEGGENDE DI CALABRIA: LE CAMPANE DI TROPEA

LEGGENDE DI CALABRIA: LE CAMPANE DI TROPEA

 Le coste italiane dell’Adriatico e dello Jonio, nel Medioevo, venivano spesso assaliti dai pirati che provenivano dall’Oriente, ma anche dalla vicina Jugoslavia. Una volta che un’imbarcazione saracena entrò di notte nel Golfo di Sant’Eufemia e, fermatasi sulla costa, i suoi uomini scesero uno ad uno, attirati dalle luci che brillavano sulla collina. Nel villaggio di(…)

Leggi di più

STORIE DI CALABRIA: LE PANTOFOLE DI MARTINELLO

STORIE DI CALABRIA: LE PANTOFOLE DI MARTINELLO

 L’asinello di San Francesco di Paola parlava sempre col suo padrone per tenergli compagnia nei lunghi viaggi che facevano, in quei tempi in cui non c’erano né treni né aerei. Un giorno, lontano da Paola, il buon frate si accorse che il suo somarello era rimasto senza ferri ai piedi e camminava a fatica. Giunto(…)

Leggi di più

RACCONTI DI CALABRIA: SANTAZZU SCIRUNI U MALANDRINU I PARMI

RACCONTI DI CALABRIA: SANTAZZU SCIRUNI U MALANDRINU I PARMI

 Santo Scidone di Palmi, conosciuto col nome di Santazzu Sciruni detto anche Tempesta, fu il primo vero boss della ‘ndrangheta calabrese. Visse a cavallo del 1900  e le sue gesta, il suo coraggio, la sua dialettica sono ricordate anche da canzoni (una cantata da Otello Profazio). Santazzu piace perché è generoso; si racconta che durante(…)

Leggi di più

RACCONTI DI CALABRIA: PELLARO, L’ATROCE DELITTO DELLA MANO NERA

RACCONTI DI CALABRIA: PELLARO, L’ATROCE DELITTO DELLA MANO NERA

 Il 4 settembre 1910, a Pellaro di Reggio Calabria esponenti non identificati dell’organizzazione “Mano Nera”, per vendicare una delazione, uccidono a coltellate nel sonno Giuseppe Ruvolino, la moglie Giuseppa Manara, nonché i loro sei figli di anni 14, 11, 10, 8, 2 e di mesi 4. Ecco cosa scrivono Emanuele Boccianti e Sabrina Ramacci nel(…)

Leggi di più

STORIE DI CALABRIA: IL BRIGANTE TALLARICO

STORIE DI CALABRIA: IL BRIGANTE TALLARICO

 Le città dei briganti sono state Catanzaro e Cosenza, ma non Reggio Calabria a causa dall’indole più pacifica degli abitanti e della configurazione più solare dei luoghi. Il brigante cosentino Giosafatte Tallarico nel 1889 raccontò d’aver guadagnato nella sua vita da brigante ben 80 mila ducati d’oro e d’argento, oltre a così tanti gioielli da(…)

Leggi di più

RACCONTI DI CALABRIA, I FRATELLI BANDIERA

RACCONTI DI CALABRIA, I FRATELLI BANDIERA

 I fratelli veneziani Attilio ed Emilio Bandiera, figli di un ammiraglio al servizio dell’Austria e ufficiali essi stessi della marina austriaca, erano iscritti alla “Giovine Italia” di Giuseppe Mazzini. Una volta scoperti dalla polizia austriaca, i due carbonari abbandonarono la marina austriaca e si rifugiarono sull’isola di Corfù nel Mar Jonio settentrionale. Qui misero in(…)

Leggi di più

L’ATENE DELLA CALABRIA. LA TOMBA DI ALARICO.

L’ATENE DELLA CALABRIA. LA TOMBA DI ALARICO.

 Cosenza venne detta “l’Atene della Calabria”, per la sua tradizione culturale che affondava le radici nell’Accademia Cosentina nata all’inizio del secolo XVI per merito dell’umanista Aulo Giano Parrasio e frequentata anche dal celebre filosofo Bernardino Telesio. Fondata dai Bruzi in epoca remota, lo storico greco Strabone la descrisse col nome di Consentia (con significato di(…)

Leggi di più

STORIE E LEGGENDE DI CALABRIA: FILOMENA E LA MADONNA

STORIE E LEGGENDE DI CALABRIA: FILOMENA E LA MADONNA

 Tutti a Santa Severina conoscono la leggenda della Madonna e di Filomena, donna molto laboriosa e di una religiosità che rasenta la follia. Ogni mattina, infatti, si recava a messa all’alba, lasciando solo nel letto il figlio di cinque anni. Un brutto giorno, però, il bambino, svegliatosi improvvisamente e vistosi solo, si turbò così tanto(…)

Leggi di più

PERSONAGGI DI CALABRIA: IL PAPA DI SANTA SEVERINA

PERSONAGGI DI CALABRIA: IL PAPA DI SANTA SEVERINA

 A Santa Severina nacque San Zaccaria, papa dal 741 al 752. Eletto il 29 novembre e incoronato il 5 dicembre, dovette subito lottare contro i duchi longobardi e gli esarchi di Ravenna. Recatosi infatti a Terni, ottenne dal re dei longobardi Liutprando la restituzione di Amelia, Orte, Bomarzo ed Olesa, ma anche di quella parte(…)

Leggi di più

RACCONTI DI CALABRIA: LA CITTA’ DI ERCOLE

RACCONTI DI CALABRIA: LA CITTA’ DI ERCOLE

 Crotone fu una delle più potenti città della Magna Grecia, fondata dagli Achei nel 710 a.C. La tradizione racconta che i coloni achei abbiano raggiunto l’Italia per obbedire all’oracolo di Delfi che ordinò ad un gobbo di nome Miscello, nato a Rhypes, nell’Acaia, di costruire una città greca in terra straniera. Secondo un’altra tradizione però,(…)

Leggi di più

RACCONTI E LEGGENDE DI CALABRIA: LA FESTA DELLA SACRA SPINA

RACCONTI E LEGGENDE DI CALABRIA: LA FESTA DELLA SACRA SPINA

 In mezzo ai boschi della Sila, in un bianco convento francescano di Petilia Policastro, posto su uno sperone roccioso alla confluenza dei torrenti Solco e Cropa, si tiene ogni anno la festa della Sacra Spina. Si narra che una regina di Napoli dette a tre cavalieri il compito di uscire dalla città con una spina(…)

Leggi di più

« Older Entries