I borghi

STORIA DEI RIONI DI REGGIO CALABRIA: IL RIONE CECI

STORIA DEI RIONI DI REGGIO CALABRIA: IL RIONE CECI

 Il Loreto, la Graziella e il rione Ceci costituivano il confine nord-ovest del territorio di Gebbione. Il rione Loreto prese il nome dalla chiesa dedicata alla Madonna di Loreto. La Graziella era pure una chiesetta dedicata alla Madonna delle Grazie in considerazione di quella terra grata, cioè rispondente alle fatiche dell’uomo. Per quanto riguarda il(…)

Leggi di più

STORIA DEI RIONI DI REGGIO CALABRIA: RIONE PESCATORI

STORIA DEI RIONI DI REGGIO CALABRIA: RIONE PESCATORI

 Nel 1931, sul prolungamento del Rione Ferrovieri, sorse un nuovo rione, prevalentemente abitato da pescatori e, proprio per questo motivo, si chiamò Rione Pescatori. E’ (tutt’oggi) costituito da sei blocchi di case popolari strutturate su due piani; quattro di questi blocchi erano rettangolari, i rimanenti due avevano forma di poligoni irregolari: trapezi centrali e triangoli(…)

Leggi di più

STORIA DEI RIONI DI REGGIO CALABRIA: TORRE LUPO

STORIA DEI RIONI DI REGGIO CALABRIA: TORRE LUPO

 La contrada Torre Lupo si identifica a levante con il torrente Sant’Agata; dal prolungamento della via Sbarre Inferiori fino alla foce dello stesso torrente, con la stessa via Sbarre Inferiori a monte; ad ovest col Baglio Musolino è una linea che tagliava pressappoco a metà nel senso monte mare, l’attuale superficie occupata dalle officine OMECA.(…)

Leggi di più

I CARATTERISTICI BORGHI DELLA CALABRIA: PENTEDATTILO

I CARATTERISTICI BORGHI DELLA CALABRIA: PENTEDATTILO

 Se qualcuno domandasse “può il palmo di una mano contenere un paese?” la risposta sarebbe ovvia, certamente no. Ma per chi ha avuto modo di conoscere il borgo di Pentedattilo sa bene che non è così. Qui, il palmo di una mano ciclopica esiste, fatto di pura roccia, alle pendici del Monte Calvino, nel comune(…)

Leggi di più

STORIA DEI RIONI DI REGGIO CALABRIA: IL RIONE FERROVIERI

STORIA DEI RIONI DI REGGIO CALABRIA: IL RIONE FERROVIERI

 La comunità dei ferrovieri insieme a nuovi e vecchi immigrati sopravvissuti al sisma del 1908, trovò rifugio in un accogliente (visti i tempi) baraccamento realizzato verso il 1910. Nel 1930 furono costruite le prime case per i ferrovieri. In quella zona vi furono circa 1300 abitanti quasi tutti impiegati nelle ferrovie dello stato. Da qui(…)

Leggi di più

I BORGHI DELLA PROVINCIA REGGINA: GALLICIANO’

I BORGHI DELLA PROVINCIA REGGINA: GALLICIANO’

 Nella zona jonica della provincia di Reggio Calabria, nella vallata della maestosa e spettacolare fiumara dell’Amendolea  vive la comunità dei greci di Calabria (o grecanici) discendenti diretti dei Greci della Magna Grecia. Fanno parte di questa comunità i comuni di Roghudi, Roccaforte del Greco, Bova e Condofuri . Situato su uno sperone roccioso del versante(…)

Leggi di più

CENNI STORICI SUL  RIONE SBARRE DI REGGIO CALABRIA

CENNI STORICI SUL RIONE SBARRE DI REGGIO CALABRIA

 Quelle riportate sono notizie che scaturiscono dalle attività degli abitanti, dalla loro condizione sociale, dall’opera dei governi comunali e centrali e dalle iniziative delle autorità ecclesiastiche, che per prime, hanno cercato di raccogliere ed identificare le popolazioni attraverso l’istituzione delle parrocchie. Numerose sono quelle che possiamo attingere dalla Storia di Reggio di Domenico Spanò Bolani(…)

Leggi di più

STORIA DELLE LOCALITA’ DI REGGIO CALABRIA: BAGLIO MUSOLINO (GEBBIONE)

STORIA DELLE LOCALITA’ DI REGGIO CALABRIA: BAGLIO MUSOLINO (GEBBIONE)

 Il Baglio Musolino era una località della contrada Gebbione in cui vi era la maggiore concentrazione di famiglie di coloni. La collocazione del baglio può anche oggi essere identificata nel punto in cui si incrociano la via Sbarre Inferiori e via Gebbione, verso la fiumara Sant’Agata. Il baglio era un grande cortile, con un pozzo(…)

Leggi di più

I BORGHI REGGINI: PIETRAPENNATA

I BORGHI REGGINI: PIETRAPENNATA

 A 670 metri di altitudine, sulla parte meridionale dell’Aspromonte, nel comune di Palizzi, troviamo la frazione Pietrapennata che offre al visitatore panorami meravigliosi. Qui, in contrada Alìca, si trovano i resti di una antica Abbazia Basiliana che era sotto il titolo di Santa Maria Di Alìca. Al suo interno è custodita la bellissima statua di(…)

Leggi di più

I BORGHI REGGINI: PERLUPO (PIRRUPU)

I BORGHI REGGINI: PERLUPO (PIRRUPU)

 A pochi chilometri dal centro cittadino di Reggio Calabria, in un’atmosfera magica, in un silenzio “assordante” rotto solo dallo scroscio dell’acqua della fiumara sottostante, si può ammirare un paesino “fantasma”. Perlupo (in dialetto locale Pirrupu = burrone) è un borgo appollaiato su un crinale che si affaccia sulla sponda sinistra del torrente Annunziata immerso  in una vasta(…)

Leggi di più

CALABRIA DA SCOPRIRE: ROGHUDI, LA BELLEZZA DI UN PAESE  FANTASMA

CALABRIA DA SCOPRIRE: ROGHUDI, LA BELLEZZA DI UN PAESE FANTASMA

 Un paese “fantasma” , una delle tante bellezze di Calabria da visitare e ammirare. Roghudi  è incastonato sulla parte meridionale delle pendici della splendida montagna qual è l’Aspromonte, in quella che è la “Calabria greca”.  Fu abbandonato dai suoi abitanti, di etnia grecanica, a seguito di due fortissime alluvioni che si abbatterono sulla zona nell’inverno(…)

Leggi di più

STORIA DEI BORGHI REGGINI: CATAFORIO

STORIA DEI BORGHI REGGINI: CATAFORIO

 Il toponimo odierno di Cataforio deriverebbe dal termine greco Katachorio, formato dal prefisso Katà (in basso) e dal suffisso chorio (vocabolo molto diffuso nelle zone sottoposte al dominio romano orientale, significante villaggio). In tutta l’area grecanica, i vari “Chorio” assumono il carattere di piccole frazioni associate ad un località madre. Chorio di Melito, Chorio di(…)

Leggi di più

STORIA DEI BORGHI REGGINI: MOSORROFA

STORIA DEI BORGHI REGGINI: MOSORROFA

 Documenti e reperti aiutano molto l’opera di ricostruzione del passato di questo borgo. Durante il processo di unificazione, un rapporto dei militari italiani certifica che la popolazione fosse ellelofona. Numerose etimologie lasciano intendere le origini magno greche dell’insediamento. Lo stesso toponimo è composto dalle parole greche “meso” e “chora”, ossia terra di mezzo. E’ attendibile(…)

Leggi di più

CARDETO, UN PO’ DI STORIA

CARDETO, UN PO’ DI STORIA

 “Carditum”, terra di cardi, è un antico centro, situato nell’alta valle della fiumara Sant’Agata, in pieno Aspromonte, a mezza costa del monte Ulis. In esso, fino alla prima metà del ‘700 è attestata la pratica del rito greco e si parlava anche in grecanico. Casale di Motta Sant’Agata fino al 1783, nonché di Sant’Agata di(…)

Leggi di più

STORIA DEI BORGHI REGGINI: SAN SALVATORE

STORIA DEI BORGHI REGGINI: SAN SALVATORE

 San Salvatore è stato uno dei territori di Motta Sant’Agata. Originariamente il nome di questo borgo era San Giovanni. La casa della famiglia Fortunio, risalente al XVIII secolo, testimonia il tenore di vita dei nobili agatini. Da notare sono gli elementi architettonici esterni, come le maschere apotropaiche che reggono i balconi. Si riteneva che queste maschere allontanassero il malocchio,(…)

Leggi di più

Newer Entries »